Brandacujun

Ricominciamo l’anno nuovo con un piatto che adoriamo profondamente e che è davvero radice profonda della tradizione culinaria della nostra Liguria.
Il brandacujun deve il suo nome ai movimenti ripetuti che si devono compiere per amalgamare i vari ingredienti di questo fantastico piatto; “brandare” infatti significa girare, mescolare…per quando riguarda invece “cujun” beh lasciamo a voi la traduzione fantasiosa del termine.
La particolarità unica di questo piatto è la cremosità che il baccalà riesce a dare al piatto mescolandosi semplicemente con patate, olive e pinoli facendo un piatto all’apparenza povero il re degli antipasti.

Ingredienti per 4 persone
500 gr di baccalà
350 gr di patate
1 spicchio d’aglio
1 manciata di pinoli
1 cucchiaio di succo di limone
prezzemolo
latte
olio extra vergine d’oliva
aceto balsamico

Preparazione
Pulire il baccalà dalla pelle e dalle parti di scarto più grosse. Tagliare a pezzetti, lavare sotto acqua fredda corrente e lasciare quindi in ammollo in acqua per 6 ore affinché perda il forte odore che lo contraddistingue.

Mettere il baccalà in una pentola di acqua fredda e cuocere a fuoco basso per tre quarti d’ora. Nel mentre bollire le patate precedentemente pelate e tagliate a pezzetti.

In una pentola capiente passare le patate con uno schiacciapatate, aggiungervi il baccalà e il trito di prezzemolo aglio, pinoli, limone. Aggiungere olio in abbondanza. Nel caso il composto risultasse troppo denso aggiungere qualche cucchiaio di latte progressivamente. Girare energicamente il composto su fuoco medio e, fuori dal fuoco, scuotere la pentola con coperchio seguendo movimenti verticali al fine di rendere il brandacujun omogeneo.

Servire tiepido sformando con un coppapasta e guarnendo con pinoli, olio ed aceto balsamico.

Annunci

2 pensieri su “Brandacujun

    • Grazie Giovanna! Anche a noi piace molto il baccalà; in particolare io, Andrea, lo mangerei anche con la marmellata!

      Abbiamo un’altra ricetta tradizionale della Liguria in cui il baccalà è il protagonista: la “buridda” alias zuppa di baccalà. Assieme alla polenta poi è subito amore. Stay tuned dunque 🙂
      Inoltre ti invitiamo a cercarci anche su Facebook e su Instagram sempre sotto Kwi’zi:nz ovviamente!!!

Commenta Kwi'zi:nz

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...